Il poker online legale riempirebbe i casinò americani

A legalização do poker online nos Estados Unidos, iria ajudar, mais do que atrapalhar os casinos reais já existentes bem como os estabelecimentos de apostas, confirma um artigo publicado pelo US GamingSurvey na iGaming Negócios na América do Norte.
Apostas online aumentam apostas em casinos reais
Basato su un sondaggio del 2012 su oltre ottomila persone che attualmente giocano online, diverse persone che vivono in varie parti degli Stati Uniti, l'articolo afferma che nel caso in cui il poker online fosse completamente legalizzato, molti intervistati hanno risposto che aumenterebbero il loro numero di scommesse e/o giocare di più nei casinò reali; più intervistati hanno affermato che aumenterebbero i loro giochi nei casinò dal vivo rispetto agli intervistati che hanno affermato che avrebbero diminuito.
Sorprendentemente, i giovani, che attualmente non acquistano i biglietti della lotteria, prenderebbero in considerazione l'acquisto online se fossero disponibili nel poker online. La maggior parte degli intervistati ha affermato che il gioco d'azzardo online regolamentato e legale non avrebbe alcun effetto, negativo o positivo, sulle loro abitudini di gioco nei casinò reali.

Sondaggio sul gioco d'azzardo, Stati Uniti

A “US GamingSurvey”, uma companhia de estatísticas de topo, é a autora do inquérito feito em 2012 nos Estados Unidos, sul poker online . Il sondaggio fornisce uno sguardo approfondito alle abitudini e al comportamento dei giocatori d'azzardo online negli Stati Uniti, dove i lettori sanno che l'industria del gioco d'azzardo su Internet non ha ancora ricevuto un adeguato riconoscimento federale.

La parola "cannibalismo", che in termini di casinò significa che gli operatori di scommesse online mantengono il profitto dei casinò di scommesse reali. Questo è uno degli argomenti principali e più forti di coloro che si battono contro la legalizzazione del poker a livello federale. Ora che è fuori questione, i giocatori e le parti interessate si chiedono quale sarà la prossima scusa.

I commenti sono chiusi.