€3000

Il Bingo ebbe origine intorno al 1530, quando l'Italia fu unificata. Gli italiani hanno creato una lotteria nazionale chiamata "Lo Giuoco del Lotto d'Italia" che si gioca ancora ogni sabato in Italia. Intorno al 1778 i francesi vennero a conoscenza di questo gioco e lo adattarono ai propri scopi, apportando piccole modifiche al gioco, inclusa la carta che in seguito divisero in tre linee orizzontali e nove linee verticali. Le linee verticali contenevano numeri da 1 a 10 nella prima riga, da 11 a 20 nella seconda riga e così via fino al numero 90. Non c'erano carte corrispondenti.

Intorno al 1929, la popolarità di jogos de bingo aveva già attraversato l'oceano ed era arrivato a Jacksonville, in Georgia, dove un commesso viaggiatore ha parlato del gioco che aveva trovato in Germania l'anno prima. Anche i tedeschi avevano la loro versione del gioco sin dal 1800, ma era solo un gioco per bambini usato per aiutare i bambini a imparare la matematica, imparare a scrivere parole e imparare la storia. Fu allora che un pomeriggio a New York, il venditore di giocattoli Edwin S. Lowe annunciò il gioco quando tutti i suoi stand tranne uno furono chiusi. Quel giorno, questo stand si riempì di persone che volevano vedere il nuovo gioco. L'azione era tutta incentrata su un tavolo a forma di ferro di cavallo dove diverse carte numerate e fagioli secchi coprivano l'intero tavolo. Il gioco veniva giocato come una variante della lotteria italiana originale chiamata Beano.

La persona responsabile dell'estrazione dei numeri aveva diversi dischi numerati da una scatola di tabacco, mentre i giocatori segnavano i numeri mentre venivano estratti, mettendo un fagiolo secco sotto il numero corrispondente. Quando hanno completato una riga hanno detto "Beano".

Lowe è tornato a casa a New York dove ha deciso di iniziare a organizzare questo nuovo gioco molto interessante, Bieno. Ai suoi amici piaceva così tanto giocare con lo stesso divertimento e divertimento dei giochi di Carnevale. Durante una partita una donna era così entusiasta di aver completato una battuta che invece di dire “Bieno” diceva “Bingo”, dando così origine al nome con cui oggi conosciamo il gioco.

Le versioni precedenti I vecchi giochi del gioco erano molto divertenti, ma ogni volta che veniva giocato c'erano sempre quattro o cinque vincitori, il che era un po' un problema. Lowe decise che erano necessari più numeri per ridurre le possibilità di così tanti giocatori vincenti, quindi chiese aiuto a un professore di matematica della Columbia University, il suo nome era Carl Leffler. La richiesta di Lowe era che l'insegnante pescasse 6.000 nuove carte da bingo in gruppi di numeri ripetuti. Il professore è stato in grado di completare questo compito e così è nata l'azienda di Lowe con le 6.000 carte uniche. Si dice che Leffler sia impazzito dopo.

Alieni
Attrazione
Avalon II
Big Bang
Succhiasangue
Libro di Ra

Ottieni subito un bonus di benvenuto di $1600